Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

19/03/17

Oggi, 19 marzo, è il mio compleanno e voglio scrivere di me. Ho scritto di tante cose e molto per tanti... e ho scritto anche di me una volta. Oggi voglio dedicarmi quella poesia. Un "autoritratto ", come spesso fanno i pittori. Anche quando scrivo in seconda persona in realtà parlo di me... quindi questa poesia è solo ed esclusivamente per me.



A me...

A te
Che vivi di emozioni,
Sentimenti e illusioni.

A te
Che basta un battito di ciglia
Un lieve sospiro o bisbiglio.
Un'aurora sul mare
O un tramontar del sole.
Una dolce musica
E lo sbocciare d'un fiore.

A te
Che affoghi in uno sguardo
Ti emozioni per un sogno.
Ti comuovi per una lacrima
E vaghi nel tuo mondo.
Che scrivi in poesia
E ricerchi l'armonia.

A te
Che ti uccidi di nostalgia
Ti ubriachi di malinconia.
Ti entusiasmi come un bimbo
Ti commuovi ad un suo pianto.
Galleggi tra realtà e limbo
E vivi di rimpianto.

A me
Che vivo di emozioni
Sentimenti e illusioni
Che scrivo in poesia
E ricerco l'armonia.
Che vago in un sorriso
E volo nella fantasia.

A me
Che sorvolo l'irreale
... e sfioro la follia ...




Pino Palumbo
22 Gennaio 2014


11/03/17

E POI CI SONO IO

E poi ci sono io

C'è chi si scalda la vita
in un cucchiaino,
chi l'annusa 
in un polline bianco
e chi la disseta 
in un'acqua ambrata.

C'è chi si trafigge la vita
con un ago beffardo,
chi l'asfissia 
con una polvere bianca
e chi l'annega in un mare inquinato 
d'un bicchiere di malinconia.

C'è chi s'avvolge la vita
in un sacchetto di nylon...
e non per conservarla,
chi la disperde...
tra le vie d'una città indifferente
e chi al soffitto d'una stanza l'appende.

C'è chi la getta in un cassonetto
ch'è solo all'inizio!....
chi la "libera" in un volo azzurro 
e la lascia cadere...
su un marciapiede, da un tetto
o in un fiume, da un ponte.

C'è chi s'assorda la vita
nel caos del mondo 
o di una discoteca...è uguale...
e chi con lo sparo d'una pistola
tra le urla silenziose
di un'intima pazzia.

C'è chi si scalda la vita
al calore di un abbraccio
o a quello di un sorriso, 
chi al tepore di uno sguardo intenso 
o per un pensiero improvviso
e chi per l'ardore di un tenero bacio
...o d'un amore immenso.

...e poi...ci sono io...


Pino Palumbo 
9 febbraio 2017




06/02/17

EMOZIONI CONFUSE



Emozioni confuse

Un cielo senza confini,
dietro le bianche montagne.
Il vento spolvera le cime
e spruzza l'azzurro di neve.
Soffermo lo sguardo all'orizzonte,
oltre il limite del cielo.
L'incanto è di sogno
e sognando m'incanto,
soffermo in bilico la mente,
tra realtà, sogno e emozione.

Una stanza senza cielo,
un cielo senza soffitto.
Una pioggia di stelle 
che graffiano l'aria.
Una luna rotonda
esplode nel nero.
In un angolo del soffitto
scoppia una stella,
s'espandono i frammenti 
e mi trafiggono la mente.

Lungo è il silenzio,
d'nterminabili attimi.
Una nebbia fitta 
e scompare il cielo.
Riappare il soffitto,
or che muore di te il pensiero
e ritorna il rimpianto.
Vago leggero nel limbo,
muoio piano piano,
...finché tu riappari
...e ancora rinasco.


Pino Palumbo 
6 febbraio 2017




21/01/17

ASCOLTANDO IL SILENZIO



Ascoltando il silenzio 


Abbandonarsi 
tra le nuvole e il cielo 
e librarsi 
ascoltando il silenzio, 
che nella mente bisbiglia
parole finora inascoltate.

Fendere l'aria, 
planare in picchiata 
e virare in repentina ascesa, 
trattenendo il respiro,
rivolgendo il pensiero
a chimere passate.

Ascoltando il silenzio, 
ad un metro dal cielo,
si placa il ritmare del cuore 
e l'affannato respiro.
L'essenza, ora libera in volo,
all'infinito si libra...
verso nuova vita.


Testi e Immagini di: ©Pino Palumbo.

30 Maggio 2015 


16/01/17

BREVITÀ' D'UNA VITA. ETERNITÀ D'UN FOLLE PENSIERO.





Brevità d'una vita. Eternità d'un folle pensiero


Giorno o notte
Luce e buio
Vita o morte
...dolce oblio. 








Pino Palumbo. 
1 settembre 2016

04/12/16

SE C'È IL TUO SILENZIO




Se c'è il tuo silenzio

Il cielo s'oscura
All'improvviso come 
Al soggiungere d'una eclisse,
Come dopo l'ultimo istante
D'un radioso tramonto,
Come all'arrivar della sera. 

È buio nella mia mente
Come scura è la notte 
Senza stelle.
È infranto il mio pensiero
Contro il muro d'un silenzio d'angoscia,
Che pare invero. 

Il cielo s'oscura 
Se non c'è più una stella
Se non c'è più un raggio di sole
Se non ci sono ...
Il tuo viso
I tuoi occhi
Il tuo sorriso
Se c'è il tuo silenzio
...nel mio pensiero. 


Pino Palumbo
3 dicembre 2016

21/10/16

IN BILICO SULL'ORLO DEI TUOI OCCHI





In bilico sull'orlo dei tuoi occhi


In bilico sull'orlo d'una nuvola
Osservo il buio profondo del cielo sotto me
E la paura di cadere m'assale
E m'inabisso nel vorticare d'una vertigine 
Che anziché sprofondare m'innalza
Fino a sfiorare il bagliore d'una stella
Per poi volteggiare e planare sulla luna. 

In bilico sull'orlo d'un sogno...
Ma i miei occhi sono aperti 
E in loro si riflette
...il verde dei tuoi. 

Pino Palumbo 
20 ottobre 2016